Attualmente sei su:

G.U.M Italia

Per trovare un rivenditore, seleziona il Paese e la lingua. Verrai reindirizzato al sito del tuo Paese.

  • Gran Bretagna
  • Belgio
  • Germania
  • Danimarca
  • Spagna
  • Finlandia
  • Francia
  • Grecia
  • Italia
  • Paesi Bassi
  • Polonia
  • Portogallo
  • Svezia

Quanti denti abbiamo?

Sembrano domande banali, ma prima o poi tutti quanti se le pongono: quanti denti hanno gli adulti? E i bambini? Quando spuntano i denti e che funzione hanno? Ecco tutte le risposte!

uomo sorridente

Quanti denti permanenti abbiamo?

I denti di un uomo adulto sono 32, 16 sull’arcata superiore e 16 sull’arcata inferiore. Ciascuna arcata dentale presenta la seguente disposizione:

  • 2 incisivi centrali;
  • 2 incisivi laterali;
  • 2 canini;
  • 4 premolari;
  • 6 molari.

Quanti sono i denti da latte?

denti da latte, invece, sono in numero inferiore: solo 20. Sono disposti equamente in ciascuna delle due arcate, 10 in quella superiore e 10 in quella inferiore, e sono suddivisi in questo modo:

  • 2 incisivi centrali;
  • 2 incisivi laterali;
  • 2 canini;
  • 4 molari.

Quando spuntano i denti? Cronologia della dentizione

Denti da latte

I denti da latte, contrariamente a quello che si pensa, iniziano il loro sviluppo già nella pancia della mamma, attorno al terzo mese di gravidanza.

Tuttavia, la loro comparsa avviene solo attorno ai 4-5 mesi; la crescita completa, poi, si conclude entro i 2 anni di vita, al massimo 3.

I denti da latte sono detti anche “denti decidui”, in quanto sono destinati a cadere (dal latino “deciduus”). Tra i 6 e i 13 anni, infatti, tutti i denti da latte cadranno per lasciare spazio a quelli permanenti.

Sono denti più fragili e più piccoli rispetto a quelli dell’adulto, e sono anche molto più chiari: come suggerisce il nome, hanno lo smalto di colore bianco latte, mentre i denti dell’adulto sono leggermente più scuri, verso l’avorio (ovviamente a meno di un eventuale intervento di sbiancamento negli adulti, o di problemi di denti neri nei bambini).

Il processo di dentizione del bambino, pur variando molto da un individuo all’altro, avviene in genere sulla base della seguente tempistica:

  • gli incisivi centrali inferiori sono i primi dentini a spuntare, e appaiono tra i 3 e i 6 mesi (ma è normale, in alcuni casi, che si mostrino anche più tardi, fino al 12° mese);
  • gli incisivi centrali superiori spuntano subito dopo o già assieme ai primi, tra i 5 e i 7 mesi;
  • gli incisivi laterali inferiori erompono attorno agli 8 mesi;
  • gli incisivi laterali superiori possono comparire assieme a quelli inferiori ma il più delle volte anche un po’ più tardi, entro i 12 mesi;
  • primi molari, che per la dimensione possono causare un certo fastidio al piccolo, spuntano tra i 12 e i 18 mesi, in un ordine variabile ma, in genere, a partire dagli inferiori;
  • canini, prima gli inferiori e poi i superiori, erompono tra i 16 e i 24 mesi;
  • secondi molari, infine, compaiono tra i 24 e i 36 mesi.

Denti permanenti

Una volta che il bambino ha raggiunto l’età adatta, i dentini da latte cominciano a cadere e, uno alla volta, vengono sostituiti da una dentatura permanente che presenta un'anatomia del dente diversa da quella dei denti da latte.

  • I primi denti permanenti a comparire sono i primi molari (prima i superiori e poi gli inferiori), che si aggiungono in fondo all’arcata, senza prendere il posto di altri denti, attorno ai 6 anni;
  • quindi spuntano gli incisivi, prima i centrali e poi i laterali, tra i 6 e i 7 anni di età;
  • canini erompono tra i 9 e gli 11 anni;
  • primi premolari sostituiscono quelli da latte tra i 10 e gli 11 anni;
  • secondi premolari, invece, compaiono appena più tardi, verso gli 11 o i 12 anni;
  • secondi molari permanenti, infine, non sostituiscono nessun dente da latte e fanno la loro comparsa per ultimi, tra i 12 e i 13 anni.

I denti del giudizio

In alcuni casi, a seconda della persona, tra i 17 e i 25 anni possono apparire anche altri 4 denti definitivi: i terzi molari, più noti come denti del giudizio.

La loro presenza dipende da vari fattori: poiché non sono più utili ai fini della masticazione, e la dimensione delle arcate umane si è ridotta nel corso del tempo, il più delle volte non si mostrano affatto, e rimangono all’interno delle gengive.

Se compaiono, peraltro, possono costituire anche un problema per la salute: potrebbero non trovare spazio a sufficienza e dunque infiammare la dentina, infettarsi alla radice, rendere difficoltosa una corretta pulizia (per esempio impedendo il passaggio del filo interdentale), dare problemi alla lingua, alla mascella o alla gengiva, o spingere gli altri denti verso l’esterno, rovinando il sorriso e l’estetica dentale.

Per questo, sono spesso oggetto di interventi di odontoiatria e ortodonzia, e tra i consigli di molti dentisti c’è quello di rimuoverli il prima possibile, per la prevenzione di ogni eventuale problema. Se non si intende toglierli, è bene almeno pulirli in modo molto approfondito, utilizzando un apposito dentifricio per la prevenzione quotidiana.

I denti e la loro funzione

Ogni dente ha una sua precisa funzione e, di conseguenza, forma e struttura proprie, che lo rendono diverso da tutti gli altri. Nello specifico:

  • gli incisivi, posti di fronte, hanno un bordo particolarmente tagliente, e servono a tagliare il boccone;
  • canini, particolarmente appuntiti, sono utili per strappare il cibo, specie se molto duro o stopposo;
  • premolari hanno una dimensione più importante e una superficie piatta, che risponde allo scopo di schiacciare gli alimenti nella bocca, svolgendo così il ruolo più importante nella masticazione vera e propria;
  • il molare, infine, è il dente con la superficie più ampia e con delle punte pronunciate sulla corona, utile per macinare meglio il boccone prima di ingerirlo.

Quanto ai denti del giudizio, prima della moderna implantologia avevano la loro funzione principale nel sopperire alla caduta di altri denti, e nel masticare più accuratamente i cibi più duri. Ad oggi, invece, risultano inutili e talvolta sovrabbondanti rispetto alla dimensione del nostro cavo orale, oltre che difficili da pulire.

Un aiuto veloce