Attualmente sei su:

G.U.M Italia

Per trovare un rivenditore, seleziona il Paese e la lingua. Verrai reindirizzato al sito del tuo Paese.

  • Internazionale
  • Belgio
  • Germania
  • Danimarca
  • Spagna
  • Finlandia
  • Francia
  • Grecia
  • Italia
  • Paesi Bassi
  • Polonia
  • Portogallo
  • Svezia

Malattie gengivali

Le gengive sono soggette principalmente a tre tipi di disturbi: la gengivite, ovvero l'infiammazione della parte della gengiva che circonda il dente, la malattia parodontale e la piorrea, ovvero quell'infezione batterica che attacca la radice del dente e che, nelle forme più gravi, può portare alla recessione gengivale e alla perdita del dente se non si interviene con cure adeguate.

donna con gengive infiammate

Le malattie gengivali possono essere l’inizio di altri problemi dentali; per questo motivo bisogna riconoscere il sintomo principale alla base di questo disturbo per intervenire tempestivamente evitando, quindi, conseguenze più gravi.

Cosa è la gengivite

La gengivite è la fase iniziale della malattia parodontale, un disturbo molto comune causato da una scarsa igiene orale: se infatti i denti non vengono puliti adeguatamente, l'accumulo di batteri e dei residui di cibo possono creare placca che, a sua volta, si trasforma in tartaro provocando l'infiammazione e la perdita di sangue dalle gengive.

In questa fase la placca e il tartaro causano il distacco del solco gengivale, ovvero lo spazio tra la superficie del dente e il margine della gengiva, esponendo i denti a un maggior rischio di carie e infezioni. Un altro dei fattori che può causare gengivite è lo spazzolamento troppo aggressivo e insistente, ecco perché è tanto importante scegliere lo spazzolino migliore per i propri denti, adatto alle proprie esigenze.

Ti consigliamo infatti di utilizzare uno spazzolino a setole morbide per prevenire le malattie gengivali o per alleviare i fastidi causati da gengiviti o piorrea.

Non devi preoccuparti se ti è stata diagnosticata la gengivite, perché si tratta della forma più facile da trattare, se questa viene curata con tempestività. Con il passare degli anni si può invece evolvere in parodontite, causando danni irreversibili come la perdita dei denti.

Sintomi della gengivite

Quelli sopraelencati sono i sintomi più comuni che si verificano in caso di gengivite. Solitamente la gengivite non provoca alcun dolore, ma, in alcuni casi, potrebbe causare fastidi durante la masticazione e la deglutizione. Si potranno infatti notare sanguinamenti circoscritti, un cambiamento nel colore delle gengive, che divengono di un rosso acceso, una maggiore sensibilità per quanto riguarda invece i denti e fastidi legati all'alitosi.

Cause della gengivite

  • Scarsa o scorretta cura orale
  • Predisposizione genetica
  • Carenza di vitamine
  • Assunzione di alimenti acidi o piccanti
  • Sbalzi ormonali dovuti alla gravidanza
  • Fumo
  • Stress
  • Difese immunitarie compromesse
  • Trattamenti ortodontici
  • Malattia sistemica come diabete, cancro, ecc

Quelle sopraelencate sono invece le cause più comuni della gengivite, che, come possiamo notare, possono essere molteplici e di vario genere.

Per curare la gengivite è importante comprendere quale sia la causa specifica alla base del disturbo. Spesso si tratta di condizioni legate ad una scarsa igiene orale che provoca l'accumulo di placca batterica. La placca è composta da numeri batteri che si depositano sullo smalto dei denti e può essere rimossa semplicemente con lo spazzolmaneto quotidiano dei denti e con l'utilizzo di collutorio. Se non viene rimossa tutti i giorni, invece, può provocare una infezione batterica.

Rimedi per la gengivite

  • Pulizia orale profonda e accurata
  • Seguire un’alimentazione sana ed equilibrata
  • Allontanare lo stress
  • Non fumare

Come in diversi altri casi, tra i rimedi per la cura di questo disturbo troviamo sicuramente una buona prevenzione.

In caso di gengivite, dunque, l’azione più importante da svolgere a casa è prendersi cura del cavo orale attraverso la pulizia quotidiana e profonda.

È necessario spazzolare i denti in maniera delicata, ma decisa e usare validi strumenti quali collutorio con o senza clorexidina e filo interdentale floss per rimuovere la placca batterica.

Un controllo periodico dal dentista aiuterà a stabilire la salute dei denti e terrà sotto controllo la presenza di gengiviti o di altre malattie o disturbi delle gengive.

Rivolgiti al tuo dentista di fiducia immediatamente in caso di gengive sanguinanti, arrossate o gonfie, sensibilità dentale, o alito cattivo persistente, in quanto questi possono essere tutti segni precoci di malattia gengivale.

Prevenzione per la gengivite e altre malattie

  • Cura orale accurata: includere l’utilizzo dello scovolino, del filo interdentale e del collutorio per assicurarsi di eliminare e prevenire la formazione di placca e tartaro
  • Controlli periodici dal dentista: eseguire almeno due volte l’anno un trattamento di pulizia professionale del cavo orale ed effettuare controlli di routine dal dentista
  • Alimentazione sana ed equilibrata
  • Attività fisica
  • Ridurre fumo e alcol

Sono questi i più importanti metodi di prevenzione per la gengivite, ma anche per altre malattie.

Prevenire la gengivite infatti significa prevenire anche altre malattie dei denti come la parodontite e altri disturbi. È importante quindi seguire una corretta e meticolosa cura orale quotidiana prestando attenzione a ogni gesto, che spesso eseguiamo meccanicamente e con leggerezza.

 Cosa è la parodontite

"Parodontale" letteralmente significa "intorno ai denti", quindi con "malattia parodontale" ci si riferisce alle infezioni che interessano le strutture intorno ai denti, tra cui le gengive, i legamenti e le ossa.

La malattia parodontale, o parodontite, è causata da una infezione di batteri che rende più sensibili le gengive. Se la parodontite non viene trattata subito e in modo adeguato, l'infezione può diffondersi e può provocare persino la perdita del dente e creare un grosso impatto anche sull’estetica del viso.

Ciò avviene a causa del tartaro che, piano piano, si crea e si insinua in piccoli spazi tra dente e gengiva e comincia ad intaccare il dente con il rischio che possa cadere man mano che la situazione si aggrava.

Per proteggersi dalle malattie parodontali, è necessario dedicarsi costantemente a pratiche di prevenzione per evitare il rischio di incorrere in questa patologia che non è reversibile: occorre attenersi a una routine di igiene orale quotidiana eccellente e sottoporsi a un check-up dal proprio odontoiatra almeno una volta all'anno.

Prima di arrivare alla parodontite, però, solitamente si soffre di gengivite.

Differenza tra parodontite e gengivite

Vediamo ora in cosa consiste la differenza tra parodontite e gengivite.

La gengivite, dunque, è lo stadio meno grave e ancora facilmente trattabile della parodontite, che è invece una malattia più complessa e che porta con sé conseguenze molto pesanti quali la piorrea e la perdita dei denti.

È bene quindi non sottovalutare i sintomi quali gonfiore e sanguinamento delle gengive, alito cattivo o denti sensibili.

Dopo aver effettuato una visita specialistica dal proprio medico odontoiatra per individuare le cause, e avere quindi una diagnosi certa, è importante cominciare subito con delle terapie per alleviare il dolore e per far scomparire i fastidiosi disturbi come il gonfiore gengivale.

Un aiuto veloce

Scopri i nostri prodotti per trattare le malattie gengivali

Utilizziamo i cookie per essere certi di offrirti la migliore esperienza sul nostro sito Web. A tale scopo, ricordiamo e memorizziamo le informazioni su come lo utilizzi. Questa operazione viene eseguita utilizzando semplici file di testo chiamati cookie che risiedono sul tuo computer. Chiudendo questo messaggio o navigando a una pagina diversa all'interno di questo sito Web, accetti i nostri cookie su questo dispositivo in conformità con la nostra politica sui cookie a meno che non li abbia disabilitati.