Attualmente sei su:

G.U.M Italia

Per trovare un rivenditore, seleziona il Paese e la lingua. Verrai reindirizzato al sito del tuo Paese.

  • Internazionale
  • Francia
  • Italia
  • Paesi Bassi
  • Tedesco
  • Spagna

Denti sensibili

Soffri di gengive e denti sensibili? La sensibilità dentale è comune ma può essere fastidiosa e scomoda. Impara a gestire meglio la sensibilità.

Denti sensibili

Hai mai provato disagio assaporando un sorso di caffè, mangiando un piatto di zuppa calda o un gelato freddo, o anche respirando aria fredda? La spazzolatura dei denti o il filo interdentale a volte ti provocano fastidio?

Se hai risposto "Sì" a una di queste domande, potresti essere affetto da ipersensibilità dei denti.

Denti sensibili

Cos'è l'ipersensibilità dei denti?

L'ipersensibilità dei denti, nota anche come ipersensibilità dentale, è essenzialmente un dolore acuto a uno o più denti.

Quali sono le cause dei denti sensibili?

La sensibilità dentale si verifica quando la superficie esposta della radice di un dente è irritata dal caldo, freddo o altre sensazioni.
I denti sono rivestiti con uno strato protettivo di smalto, la sostanza più resistente del corpo. Questo rivestimento si estende anche di sotto del margine gengivale, all'interno delle gengive. Il guscio di smalto in questa zona della radice è particolarmente vulnerabile e può usurarsi nel corso del tempo. Quando questo guscio protettivo di smalto si rovina e scompare, la parte interna altamente sensibile del dente, conosciuta come dentina, diventa esposta. In questo modo calore, freddo o cibi acidi si insinuano nei piccoli canali presenti nella dentina (i tubuli dentinali) e raggiungono i nervi all'interno del dente, causando dolore acuto.

Ci sono anche altri fattori che possono causare la sensibilità dentale ai cibi caldi, freddi o acidi:

  • il bruxismo, cioè il digrignamento e lo sfregamento dei denti, soprattutto mentre si dorme, spesso effettuato inconsciamente da chi soffre di ansia e tensioni nervose;
  • i trattamenti per lo sbiancamento dentale;
  • la recessione gengivale causata da un’infiammazione o da un lavaggio troppo aggressivo dei denti.

Cosa contribuisce a erodere lo smalto?

Il tuo smalto può erodersi per molte ragioni, tra cui le bevande e cibi zuccherati o acidi, o anche una spazzolatura dei denti troppo energica. Ecco perché è molto importante lavarsi i denti correttamente.

Inoltre, non dimentichiamo mai che il processo di invecchiamento colpisce anche la bocca. Con il tempo, le gengive cominciano a recedere, rivelando la zona delle radici dove il guscio protettivo di smalto è particolarmente suscettibile.

I nostri denti possono anche soffrire di perdita di minerali, che contribuisce alla costante erosione dello smalto

Denti sensibili dopo un’otturazione

Un’altra causa che può generare la sensibilità dei denti è l’otturazione, operazione con cui viene riempito lo spazio in cui prima stava la polpa dentale che, per esempio, la carie ha usurato. 

Dopo questo tipo di operazione è normale che si avverta maggiore sensibilità nella zona trattata perché i tubuli dentinali in cui risiedono le fibre nervose sono scoperti e, gli stimoli esterni come il caldo e il freddo, suscitano dolore.

Durante questo periodo post-operatorio, quindi, è importante che la pulizia orale sia perfetta ed effettuata nella maniera corretta per evitare la formazione di tartaro e placca che potrebbero portare a situazioni più difficili da gestire come una gengivite o una parodontite.

 

Quali sono i rimedi migliori per curare la sensibilità dentale dopo l’otturazione?

  • Utilizzare un dentifricio a base di fluoro;
  • Spazzolare i denti con movimenti dolci e delicati;
  • Evitare di suscitare sbalzi improvvisi di temperatura calda o fredda ingerendo alimenti o bevande molto calde o molto fredde;
  • Evitare il consumo di sostanze acide.

I sintomi dovrebbero alleviarsi e scomparire dopo qualche settimana dall’otturazione ma, se il problema persiste ancora dopo qualche mese, è necessario rivolgersi al proprio medico odontoiatra per una visita e una conseguente diagnosi delle cause.  Il dentista saprà consigliare la soluzione migliore del caso e la terapia migliore da seguire per eliminare la presenza di questi disturbi.

Quali soluzioni devo usare se ho i denti sensibili?

Se soffri di denti o gengive sensibili, è consigliabile utilizzare un dentifricio con nitrato di potassio, un agente anti-sensibilità clinicamente testato. Esistono inoltre anche collutori con nitrato di potassio che è possibile utilizzare per una protezione extra.

È inoltre molto importante utilizzare uno spazzolino extra-morbido per prevenire ulteriori danni ai denti e ridurre il disagio.

Parla con il tuo dentista per ottenere consulenza su cosa stia causando la sensibilità e come trattarla. La nostra gamma GUM® SensiVital® è progettata per il sollievo quotidiano e la prevenzione dei denti sensibili. Rafforza le difese naturali della bocca per aiutare a proteggere i denti e le gengive da irritazioni esterne e dal naturale processo di invecchiamento.

Leggi i nostri consigli su come lavarsi i denti.

Utilizziamo i cookie per essere certi di offrirti la migliore esperienza sul nostro sito Web. A tale scopo, ricordiamo e memorizziamo le informazioni su come lo utilizzi. Questa operazione viene eseguita utilizzando semplici file di testo chiamati cookie che risiedono sul tuo computer. Chiudendo questo messaggio o navigando a una pagina diversa all'interno di questo sito Web, accetti i nostri cookie su questo dispositivo in conformità con la nostra politica sui cookie a meno che non li abbia disabilitati.

Per saperne di più