Attualmente sei su:

G.U.M Italia

Per trovare un rivenditore, seleziona il Paese e la lingua. Verrai reindirizzato al sito del tuo Paese.

  • Internazionale
  • Francia
  • Italia
  • Paesi Bassi
  • Germania
  • Spagna
  • Svezia
  • Polonia
  • Danimarca

Placche alla gola: come intervenire

Quando si hanno le placche in gola è sintomo che qualcosa non va. Siamo di fronte infatti a una tonsillite o a un’angina. Sono placche spesso purulente e possono anche essere associate a una faringite acuta. In questo articolo spiegheremo nel dettaglio come si presentano le placche, quali sono i sintomi che ci devono far intuire la loro presenza e come intervenire.

 

placche-alla-gola-batteri

Placche alla gola: cosa sono

Le placche alla gola sono il campanello d’allarme per il medico che può diagnosticare un’angina tonsillare o una tonsillite acuta, un disturbo che viene causato dai batteri quali lo streptococco che attaccano un sistema immunitario indebolito.

Spesso, le placche possono anche causare una faringite acuta che si manifesta con l’infiammazione della mucosa di cui è ricoperta la faringe.

Le placche, che occupano la parte posteriore del palato molle e la gola, sono sempre purulente e si manifestano attraverso sintomi ben precisi.

Per fortuna esistono alcuni metodi per calmare un po' il dolore alle placche e quindi alle tonsille.

Rimedi per le placche alla gola: il collutorio

Nel caso delle placche, oltre agli antinfiammatori e agli antibiotici, l’azione di detersione della zona interessata dall’infiammazione può essere trattata con un collutorio con clorexidina. Di cosa stiamo parlando?

La clorexidina è un antibatterico molto potente che si presta ad intervenire in caso di infezioni del cavo orofaringeo e in campo odontoiatrico. Si trova nelle soluzioni che coadiuvano le cure del cavo orale, ma deve essere prescritto o consigliato dal dentista.

Vediamo insieme quali sono le caratteristiche con un collutorio alla clorexidina, come agisce e su cosa.

Come usare il collutorio alla clorexidina

Quando il dentista, il medico o l’igienista ci prescrive un collutorio alla clorexidina, dovete prestare molta attenzione anche al suo modo di utilizzo.

Vi vogliamo allora fornire semplici ed esaustive indicazioni in modo da non incorrere in errore.

  • Non diluire il collutorio:Per una completa guarigione, i gargarismi con un collutorio alla clorexidina non devono essere effettuati diluendo la soluzione con l’acqua: versate il liquido puro direttamente nel misurino che generalmente si trova nella confezione e procedete con gli sciacqui. Mentre state utilizzando il collutorio alla clorexidina fate sempre attenzione affinché questo non venga mai ingerito.
  • Effettuare gli sciacqui a distanza dallo spazzolamento: può capitare che si usi il collutorio alla clorexidina subito dopo aver praticato la cura del cavo orale attraverso lo spazzolamento con spazzolino e dentifricio. Questo potrebbe far correre il rischio di vanificare l’effetto della clorexidina, soprattutto se il dentifricio contiene elementi in grado di vanificare l’azione del battericida. È vivamente consigliato, dunque, di procedere agli sciacqui a distanza di almeno 30 minuti dal lavaggio. In questo modo, sarete certi che la sostanza attiva riesca a essere bene assorbita dai tessuti molli e che non subisca alcuna alterazione a causa di altre sostanze.
  • Attenzione alla frequenza: gli sciacqui non devono essere troppo frequenti e devono avvenire al massimo 2 volte al giorno e solo per un periodo di tempo ben preciso che non può superare le 2 o 3 settimane, sempre dietro indicazione del medico o del dentista.

Inoltre, la durata dei gargarismi varia in base alla percentuale di clorexidina contenuta nel collutorio:

Per quello che riguarda l’uso del collutorio alla clorexidina con una percentuale più bassa di clorexidina, bisogna sapere che la soluzione deve essere tenuta in bocca non più di 50 secondi. Durante questo lasso di tempo, il principio attivo riesce a svolgere la sua azione battericida e a penetrare nei tessuti molli per poi poter essere rilasciato, come anticipato sopra, nelle successive 8 o 12 ore per portare a termina la sua azione batteriostatica.

Quando la quantità di clorexidina è maggiore, il collutorio deve essere tento in bocca per minor tempo. È consigliato non superare mai i 30 secondi e per la concentrazione di clorexidina pari allo 0,3 % saranno sufficienti solo 15 secondi.

Inoltre è sempre buona norma non associare il fumo ad una terapia che prevede l’uso di clorexidina.

Infine, ricordate che pur non essendo necessaria una prescrizione medica per acquistare un collutorio alla clorexidina, questo è pur sempre da considerare tra i farmaci deputati alla disinfezione del cavo orale e deve dunque essere assunto solo dietro consiglio del medico curante o del dentista.


Come agisce il collutorio alla clorexidina

Siccome la clorexidina elimina i batteri patogeni, può essere annoverata anche tra i rimedi per disinfettare la parte della gola colpita dalle placche e questo perché questa sostanza è in grado di permeare i tessuti molli per un tempo abbastanza prolungato che può variare dalle 8 alle 12 ore.

La clorexidina entra in circolo nel cavo orale facendo in modo che l’azione antibatterica duri per tutto il giorno. Quindi la sua azione non è limitata al tempo dello sciacquo con il collutorio, ma dura molto più a lungo.

In questa maniera, l’azione battericida del collutorio alla clorexidina diventa batteriostatica, aiuta cioè la flora batterica a mantenersi in equilibrio e impedisce ai microbi patogeni di aggredire le mucose, combattendo l’infezione.

Clorexidina: come si presenta

In commercio, si trovano collutori che hanno una diversa percentuale di clorexidina ed è proprio la percentuale in essi contenuta che ne determina l’utilizzo.

Un collutorio con un contenuto di clorexidina che va dallo 0,05% al 0,12% si utilizza soprattutto nella cura orale e per prevenire problemi legati alle conseguenze più gravi di una insufficiente rimozione della placca che si forma con gli accumuli di cibo, come gengiviti, parodontiti e piorrea.

Inoltre, in queste quantità, si utilizza come anti carie e per contrastare l’accumulo della placca. In un’ottica allargata di cura orale, inoltre, è anche un componente molto valido contro l’alitosi che, come abbiamo accennato sopra, è uno dei sintomi delle placche alla gola.

Un collutorio con questa percentuale di clorexidina si usa anche per problemi di secchezza della bocca o delle fauci.

Un collutorio con una percentuale di clorexidina pari allo 0,2% è invece utilizzato come antinfiammatorio per trattamenti che seguono un intervento odontoiatrico chirurgico al fine di annullare l’azione della carica batterica nel cavo orale. La clorexidina sarà utile anche per mantenere la flora batterica nel giusto equilibrio a distanza di 24 ore da un intervento.

Il dentista usa il collutorio con un contenuto di clorexidina allo 0,2% anche durante le devitalizzazioni del dente o la levigatura delle radici al fine di detergere il canale radicolare.

Questo collutorio si usa anche per disinfettare le tasche gengivali o subito dopo un’estrazione del dente per dare sollievo e come prevenzione delle infezioni dell’alveolo dentale che possono provare cisti o granulomi.

Inoltre, questa percentuale di clorexidina assicura il giusto risultato del collutorio nel trattamento delle afte e delle ulcerazioni da decubito che possono essere causate da una protesi mobile instabile.

Sintomi delle placche alla gola

Dolore diffuso

Il primo sintomo della presenza di placche in gola è sicuramente un dolore diffuso che provoca mal di gola, raucedine e una deglutizione fortemente dolorosa. Si tratta di una leggera sensazione di bruciore che man mano va aumentando fino a ostacolare anche l’alimentazione, rendendo dolorose azioni normali quali bere, mangiare cibi liquidi o solidi o, addirittura, ingoiare saliva. Anche gli spray o le caramelle disinfettanti, spesso possono dare fastidio.

Quando l’infezione che ha provocato la formazione delle placche e la febbre è di origine batterica e non di origine virale, si rende necessaria la somministrazione di una terapia antibiotica, dietro ovviamente prescrizione medica.

Mal d'orecchio

Il secondo sintomo che può farci pensare alla presenza in gola delle placche è sicuramente il mal d’orecchio. Soprattutto nel caso in cui l’infezione sia virale, è altamente probabile che si avverta l’orecchio dolorante.

Alito cattivo

Se non soffrite di alitosi, è possibile che, invece, durante il periodo in cui la gola arrossata viene colpita dalle placche e dal batterio dello streptococco, si possa presentare il problema dell’alito cattivo.

Linfonodi ingrossati

Lo streptococco può provocare anche un ingrossamento dei linfonodi che si infiammano e provocano dolore. Se avvertite dunque un fastidio, con la punta delle dita provate a palpeggiare l’area che si trova in prossimità delle orecchie e procedete effettuando dei movimenti circolari dietro le orecchie.

Potrete avvertire dolore e gonfiore dei linfonodi anche nella zona del collo sottostante il mento. Se vi spostate tra il mento e le orecchie, sotto la mandibola, è assai probabile che anche lì troviate linfonodi ingrossati.

Puntini rossi sulla lingua

Anche la lingua può presentare i sintomi della comparsa di placche nella gola. La superficie della lingua potrebbe infatti ricoprirsi di tanti piccoli puntini di colore rosso, più in prossimità della gola, che si possono presentare evidentemente infiammati.

Le placche possono essere anche tra le cause comuni dell’infiammazione delle zone tonsillari che diventano di un rosso acceso e tenderanno a gonfiarsi vistosamente. Molto spesso accade anche che le tonsille gonfie e infiammate si ricoprano di macchie bianche o tendenti al giallo.

Utilizziamo i cookie per essere certi di offrirti la migliore esperienza sul nostro sito Web. A tale scopo, ricordiamo e memorizziamo le informazioni su come lo utilizzi. Questa operazione viene eseguita utilizzando semplici file di testo chiamati cookie che risiedono sul tuo computer. Chiudendo questo messaggio o navigando a una pagina diversa all'interno di questo sito Web, accetti i nostri cookie su questo dispositivo in conformità con la nostra politica sui cookie a meno che non li abbia disabilitati.

Per saperne di più