Attualmente sei su:

G.U.M Italia

Per trovare un rivenditore, seleziona il Paese e la lingua. Verrai reindirizzato al sito del tuo Paese.

  • Gran Bretagna
  • Belgio
  • Germania
  • Danimarca
  • Spagna
  • Finlandia
  • Francia
  • Grecia
  • Italia
  • Paesi Bassi
  • Polonia
  • Portogallo
  • Svezia

Cosa è il microbiota orale?

Il microbiota orale svolge una funzione di protezione molto importante nel nostro organismo e, soprattutto, nella salvaguardia della salute orale. Tutto ciò è importante, perché la composizione batterica della flora orale è responsabile di come reagiamo a determinate infezioni o malattie: il microbiota, se equilibrato, ci protegge e facilita la guarigione che, in caso contrario, diventa lunga e lenta. La colonizzazione del microbiome da parte di numerosi microrganismi buoni è possibile grazie ad alcune accortezze, come una corretta igiene orale e l'uso di probiotici specifici per il cavo orale che rallentano la proliferazione di agenti batterici cattivi in grado di provocare infezioni o infiammazioni. Scopriamo nel dettaglio tutte le funzioni del microbiota orale.

donna dal dentista con camicia bianca e capelli neri

Microbiota orale: cos'è

Il microbiota orale, o microbioma, è l'insieme dei microrganismi simbiotici ed endogeni che vivono nella cavità orale. Questo ecosistema, molto complesso, è costituito principalmente da molti tipi di batteri: la bocca è colonizzata da una comunità microbica ricca e diversa composta da più di 700 specie differenti di batteri, di funghi o miceti e perfino di protozoi.

Il microbiota orale svolge un ruolo importante nel mantenimento dell’omeostasi orale, nella protezione della cavità orale e nella prevenzione dello sviluppo di patologie orali.

La caratteristica che rende il microbiota orale unico risiede nella capacità, propria di queste cellule e di questi batteri, di aggregarsi tra loro aderendo, mediante delle proteine presenti nella saliva, alla superficie e allo smalto dei denti. Grazie a questa aggregazione si crea il biofilm che costituisce la placca dentale, la quale, quando si calcifica, provoca quasi sempre la formazione di tartaro.

In un paziente sano che osservi buone norme di igiene orale, le numerose specie batteriche che popolano la flora orale vivono in equilibrio e rafforzano il sistema immunitario del nostro organismo, ma basta una piccola variazione per determinare l'origine di varie patologie del cavo orale, in particolare della malattia parodontale.

Microbiota orale: a cosa serve?

Il microbiota orale è, quindi, l'insieme di batteri che popolano l'ambiente orale. Secondo molte ricerche di microbiologia, questi batteri orali sono tutt'altro che cattivi, in realtà. Questo perché, in condizioni di buona salute, la maggior parte di essi convive serenamente con noi e svolge una funzione di supporto molto importante per il nostro benessere.

In alcuni casi, però, questi microorganismi possono essere nocivi: possiamo fare il caso dei batteri anaerobi, come il fusobacterium, che popolano le tasche parodontali nei pazienti affetti da parodontite e che colpiscono anche gli organi intestinali attraverso il flusso ematico.

È proprio da qui che nasce la forte correlazione tra malattia parodontale e infertilità, diabete, malattie sistemiche, patologie cardiovascolari, ictus, polmoniti, nascite, osteoporosi e tumori.

Ecco perché il microbioma è così importante per comprendere la salute umana nella sua interezza e per intervenire in modo puntuale sulla prevenzione di queste malattie grazie anche all'uso di integratori alimentari contenenti milioni di probiotici vivi, appartenenti a determinati ceppi, i quali hanno funzionalità precise per mantenere in equilibrio anche il microbiota intestinale.

Se parliamo di integratori a base di probiotici, possiamo menzionare le compresse GUM® PerioBalance®, composte da 200 milioni di Lactobacillus Reuteri Prodentis® attivi che, legandosi alla saliva e alla mucosa orale, ritarderanno la comparsa di batteri patogeni dopo una seduta di igiene professionale dal dentista.

Comprendere approfonditamente l'equilibrio del microbiota umano permetterà ai dentisti di valutare meglio lo stato di salute di ogni paziente. Un'analisi della salute del microbioma orale consente di verificare la presenza e la gravità di un0eventuale malattia parodontale per garantire cure più tempestive, precise e calibrate.

Microbiota orale: i rischi

Quando la salute del microbiota è compromessa, i batteri patogeni presenti nel cavo orale possono provocare la diffusione di virus o l’insorgenza di carie dentali, malattie parodontali o altre infezioni.

Alcune di queste patologie possono essere semplicemente prevenute con una corretta igiene orale e, in molti casi, si risolvono in poco tempo. In altri casi, invece, le malattie possono essere più gravi e protrarsi per più tempo.

Vediamo alcuni esempi di infezioni o malattie che si diffondono nel cavo orale quando la stabilità del microbiota è compromessa:

  • la carie dentale è, in assoluto, una delle infezioni del cavo orale più diffusa, causata dal processo di demineralizzazione del dente. Le carie sono il motivo principale della perdita dei denti da latte nei bambini con meno di 12 anni, come sostengono molti ricercatori, e sono determinate principalmente dallo Streptococcus mutans;
  • la gengivite, ovvero l'infiammazione che si estende sotto il margine della gengiva e interessa la struttura ossea e il tessuto che circonda e supporta i denti, è causata dall'accumulo di batteri lungo il margine gengivale e dalla conseguente produzione di tossine. Le specie batteriche che causano la gengivite sono i Porphyromonas gingivalis e Prevotella intermedia.
  • l’eccessiva proliferazione della candida, fungo che è presente naturalmente nell'organismo umano;
  • le afte, ovvero piccole lesioni che si formano sulle gengive o su altri tessuti della mucosa orale. Sono causate da stress, sbalzi ormonali, disturbi immunitari, ipersensibilità verso alcuni alimenti. Possono derivarne infezioni;
  • l’herpes labiale è un'infezione causata dall'herpes simplex virus che secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità è uno dei problemi più diffusi nelle persone sotto i 50 anni.

Microbiota orale: la prevenzione

Per la prevenzione dell'equilibrio del microbiota orale, il consiglio principale che possiamo darvi è quello di effettuare dei cambiamenti nel proprio stile di vita con un riguardo speciale nei confronti della nutrizione: seguite una dieta sana e varia, ricca di verdure, frutta, vitamine, cibi integrali, ed evitando cibi pieni di zuccheri che facilitano l'accumulo di placca batterica e modificano drasticamente il pH del cavo orale.

Assumete molti probiotici per il cavo orale, come le compresse GUM PerioBalance che favoriscono un microbiota bilanciato evitando la formazione di placca o di infiammazioni.

Una delle componenti fondamentali della prevenzione riguarda il fumo, da evitare, assieme al consumo di tabacco e al consumo di alcool.

È altresì importante essere sempre controllati dal proprio dentista: effettuate una visita odontoiatrica almeno una volta all'anno per monitorare lo stato di salute dei denti e delle gengive.

Vi consigliamo inoltre di auto esaminarvi la bocca facendo sempre attenzione al colore delle mucose o alla presenza di lesioni, afte, gengive sensibili e altri sintomi che devono mettervi in guardia per scongiurare problematiche più complesse.

Un aiuto veloce