Attualmente sei su:

G.U.M Italia

Per trovare un rivenditore, seleziona il Paese e la lingua. Verrai reindirizzato al sito del tuo Paese.

  • Internazionale
  • Francia
  • Italia
  • Paesi Bassi
  • Germania
  • Spagna
  • Svezia
  • Polonia
  • Belgio
  • Danimarca
  • Finlandia
  • Grecia
  • Norvegia
    • nb

Dolore al dente del giudizio: quali sono i rimedi

I denti del giudizio sono quelli che compaiono nel cavo orale per ultimi e completano la dentizione permanente. In questo articolo spiegheremo come capire che stanno finalmente arrivando e come intervenire in caso di problemi. Inoltre vi daremo consigli su cosa mangiare e su come dormire dopo un’eventuale estrazione.

Sunstar GUM - Dolore al dente del giudizio (Rimedi e consigli) | GUM

Come capire se sta uscendo il dente del giudizio

I denti del giudizio che si chiamano anche ottavi, sono gli ultimi denti che crescono e capire che stanno nascendo è molto semplice. La loro eruzione, infatti, è quasi sempre legata ad un fastidio che spesso si tramuta in dolore. Questo perché i denti sono costretti a farsi spazio tra gli altri e devono necessariamente lacerare la cresta gengivale del cavo orale.

dolori gengivali che vengono causati dall’eruzione del dente del giudizio sono molto intensi e per questo si è indotti a toccarli il meno possibile. Questo significa che la pulizia orale viene sacrificata permettendo così ai batteri di proliferare e causare problemi importanti.

Spesso, la nascita del dente del giudizio è anche accompagnata da un gonfiore in corrispondenza delle ghiandole della gola.

Saranno dunque tutti questi sintomi a farvi capire che sta nascendo un dente del giudizio che può spuntare insieme agli altri o separatamente.

Come curare il dente del giudizio

Spesso, proprio perché il dente del giudizio causa problemi perché può capitare che nasca in condizioni non ottimali, si prevede un trattamento di prevenzione che contempla come cura la sua estrazione.

Questo accade quando, a seguito di un controllo, si accerta che il dente sia incluso oppure parzialmente ritenuto e che stia crescendo in maniera non allineata, interferendo con i denti già presenti nel cavo orale. Questa crescita anomala oltre al dolore può anche implicare l’impossibilità di procedere con una corretta e completa pulizia dei denti, e prevenire con una estrazione sembra l’unico rimedio al fine di evitare ulteriori problemi gravi.

Spieghiamo meglio. Vi sono quattro casi in cui il dente del giudizio si può presentare in condizioni complicate.

  • Il dente del giudizio può essere incluso. Il dente non perfora la gengiva, non riesce a spuntare e resta invisibile, alcune volte inglobato nelle ossa mascellari. Il problema è che nel caso di un dente del giudizio incluso, si possono creare cisti che si espandono nell'osso alveolare e, nei casi peggiori, possono provocarne la distruzione.
  • Il dente del giudizio può essere storto. Quando il dente del giudizio cresce storto, può provocare lo spostamento degli altri denti agendo su di essi per erompere.
  • Il dente del giudizio parzialmente ritenuto. Quando il terzo molare risulta non totalmente spuntato, significa che una sua porzione è rimasta bloccata sotto il livello del bordo gengivale e non ha raggiunto il livello che, insieme agli altri, denti gli permetterebbe di far masticare la bocca. Questo può provocare infiammazioni come la pericoronite delle gengive intorno al dente parzialmente incluso. Questa, oltre a provocare dolore al momento dell’apertura della bocca, può raggiungere l’orecchio e provocare l’ingrossamento dei linfonodi del collo.
  • Il dente del giudizio orizzontale. Il dente non cresce dall'osso verso l’alto, ma orizzontalmente e intacca il dente vicino spingendolo e provocando dolore al momento della masticazione e infiammazione delle gengive.

In tutti questi casi, il dente del giudizio si deve curare con la sua estrazione.

È chiaro che prima di procedere con l’estrazione del dente, dopo la visita, il dentista richiederà al paziente esami radiografici approfonditi e mirati, utili per programmare un intervento di prevenzione ed estrarre il dente senza correre il rischio di lesioni alle radici del dente o ai nervi.

La cura dei denti del giudizio che prevede l’estrazione si presenta anche nel caso di una mancata cura orale che abbia provocato la formazione di carie o ascesso dentale.

Il dentista pratica sul paziente un’anestesia che non ha effetti collaterali.

Nel caso in cui il dente non sia storto né incluso, basterà al dentista afferrare il dente con pinze adatte ed estrarlo intero seguendo movimenti specifici.

Nel caso in cui invece, il dente del giudizio fosse incluso o storto, il dentista dovrà procedere incidendo per prima cosa la gengiva per esporre il dente e poi potrà estrarlo. L’estrazione avviene dopo aver sezionato il dente in due o più parti che verranno estratte singolarmente. A questo punto, saranno necessari i punti di sutura dei tessuti dei lembi creati dall'intervento e, in alcuni casi, si dovrà procedere anche ad un drenaggio per permettere alla ferita di espellere ristagni che potrebbero risultare pericolosi.

Dopo l’estrazione del dente del giudizio, è necessario ricorrere ad alcuni importanti accorgimenti che determineranno una migliore guarigione dall'intervento.

Spesso, il dentista, dopo l’estrazione, prescrive l’assunzione di farmaci come antibiotici o antinfiammatori e antidolorifici. Tra i rimedi per stare subito meglio, sarà importante ricorrere anche ad impacchi con il ghiaccio immediatamente dopo l’estrazione del dente del giudizio per alleviare il gonfiore della zona interessata. Se si manifesta, il gonfiore risulta evidente dopo circa 10 ore dall'estrazione e aumenta nei due giorni successivi. La sua regressione sarà spontanea. Si deve avvolgere il ghiaccio in un panno, rimuovendo l’impacco dalla guancia ogni 10 o 15 minuti.

In alcuni casi, è possibile che a qualche ora dall'intervento di estrazione compaiano anche un leggero ematoma, una colorazione violacea più o meno accentuata della guancia che dipende dalla sensibilità cutanea del paziente, e la febbre. In questo caso, è possibile ricorrere ad antipiretici dietro consiglio del medico o del dentista.

Dopo l’estrazione del dente del giudizio, il dentista provvede anche a lasciare una garza-tampone sulla gengiva suturata utile a ridurre e assorbire la fuoriuscita di sangue. La garza dovrà essere mantenuta almeno per un’ora dall'intervento e poi sostituita con una garza pulita uguale.

Importante è evitare, al posto della garza, l’uso di fazzolettini di carta o tamponi in cotone che potrebbero lasciare residui nel coagulo.

Cosa mangiare dopo l’estrazione del dente del giudizio

Siccome la posizione dei terzi molari è particolarmente arretrata, è possibile che dopo la sua estrazione il dente, provocando dolore, impedisca i naturali movimenti della bocca e inibisca la masticazione.

Alle volte anche bere un semplice bicchiere d’acqua o parlare può risultare molto fastidioso. Dopo l’estrazione del dente del giudizio, bisogna stare quindi attenti all'alimentazione. Si dovrà procedere all'eliminazione di alcuni cibi al fine di non rischiare di interferire con la guarigione della ferita.

Si consiglia di assumere solo cibi e bevande tiepidi o freddi perché il calore compromette la cicatrizzazione e, al contatto, provoca dolore. Importante anche evitare di masticare: per questo è meglio consumare solo cibi morbidi, facendo attenzione a non masticare dal lato del dente estratto. Inoltre, evitare anche di magiare cibi che potrebbero lasciare in bocca residui in grado di penetrare nella zona dell’estrazione come le fragole che sono ricoperte di acheni, i kiwi che sono pieni di semini, i pomodori, il pane e i prodotti come biscotti o cereali.

Oltre alla dieta, nel periodo post estrazione, sarò importante evitare anche il fumo e l’alcol.

Subito dopo aver mangiato, è importante procedere immediatamente alla pulizia della bocca con gli strumenti adatti, preferendo uno spazzolino a batteria per rimuovere efficacemente, ma in maniera più delicata, ogni residuo di cibo ed effettuando sciacqui con il collutorio. Per scongiurare infezioni del cavo orale, sarà importante anche praticare un’approfondita pulizia degli stessi denti del giudizio per assicurare loro la perfetta igiene.

Come dormire dopo l'estrazione del dente del giudizio

Dopo un’estrazione importante come quella del dente del giudizio, per non peggiorare la situazione e avvertire ancora più dolore, la soluzione migliore sarà quella di non dormire sdraiati.

Sul letto si dovrà sistemare un cuscino in grado di sollevare testa e busto perché stando seduti si potranno evitare o ridurre possibili sanguinamenti.

Per la notte, è meglio prevedere due cuscini sotto la testa che aiuteranno a dormire meglio.

Utilizziamo i cookie per essere certi di offrirti la migliore esperienza sul nostro sito Web. A tale scopo, ricordiamo e memorizziamo le informazioni su come lo utilizzi. Questa operazione viene eseguita utilizzando semplici file di testo chiamati cookie che risiedono sul tuo computer. Chiudendo questo messaggio o navigando a una pagina diversa all'interno di questo sito Web, accetti i nostri cookie su questo dispositivo in conformità con la nostra politica sui cookie a meno che non li abbia disabilitati.

Per saperne di più