Attualmente sei su:

G.U.M Italia

Per trovare un rivenditore, seleziona il Paese e la lingua. Verrai reindirizzato al sito del tuo Paese.

  • Gran Bretagna
  • Belgio
  • Germania
  • Danimarca
  • Spagna
  • Finlandia
  • Francia
  • Grecia
  • Italia
  • Paesi Bassi
  • Polonia
  • Portogallo
  • Svezia
ragazza con apparecchio ortodontico e capelli biondi

Scovolino per apparecchio fisso: i consigli dei dentisti

Perché pulire l’apparecchio fisso

La pulizia dell’apparecchio fisso è una regola inderogabile da seguire quotidianamente perché l’apparecchio può diventare ricettacolo di residui di cibo che si depositano e favoriscono la formazione della placca batterica, una pellicola invisibile che riveste il dente e provoca altri disturbi quali il tartaro, la carie e le infezioni gengivali. Inoltre, è chiaro che un apparecchio dentale pulito è meno soggetto a danneggiarsi ed è anche più confortevole da portare.

Nel caso di bambini o adulti che portano l’apparecchio ortodontico, la placca, oltre che sulla base dei denti, si deposita facilmente anche all’interno e intorno all’apparecchio e in questo modo la bocca è due volte più soggetta ai suoi attacchi. Per questo motivo, la pulizia dell’apparecchio fisso è davvero molto importante per la salute di denti e gengive ed è importante anche per tenere lontano l’alito cattivo e per non sentirsi inibiti nello sfoggiare un bel sorriso.

Oltre allo spazzolino ortodontico, il consiglio è quello di usare sempre anche lo scovolino in alternativa al filo interdentale.


Quando parliamo di scovolino ci riferiamo a quello strumento che, formato da un manico e da una testina, consente una più profonda pulizia dentale.

La testina è composta da una parte centrale fatta in metallo che è semi flessibile e da setole che possono essere di diversa lunghezza e che formano un cono o un cilindro.

Con l’aiuto dello scovolino, rimuovere la placca batterica sarà ancora più facile e il suo uso quotidiano agevolerà la costante pulizia del cavo orale. Un altro vantaggio dello scovolino è che esercitando un massaggio gengivale favorisce la circolazione e quindi la buona salute delle gengive, prevenendo problemi importanti come la parodontite. Vediamo come utilizzarlo.

Come utilizzare lo scovolino con l’apparecchio

Concentriamoci quindi sullo scovolino e spieghiamo che cosa è e come deve essere utilizzato in caso di ortodonzia.

Prima di poter procedere alla pulizia della bocca, però, dovete ricorrere ad alcune accortezze come quella di rimuovere gli elastici e tutti i componenti rimovibili dell'apparecchio. Solo a questo punto potete procedere con la cura orale.

Per prima cosa dovete individuare il dente da cui iniziare: per comodità, vi suggeriamo di cominciare dagli incisivi. Posizionate lo scovolino in posizione verticale dietro l’arco ortodontico e muovetelo con movimenti delicati dall’alto al basso per rimuovere la placca.

Sciacquate lo scovolino per eliminare l’accumulo di placca che potrebbe crearsi tra le setole e ripetete l’operazione per tutta l'arcata superiore e quella inferiore.

Molti consigliano di passare lo scovolino prima dello spazzolamento. Tuttavia, quello che dovete tenere bene a mente è che è necessario lavarsi i denti sempre dopo ogni pasto per salvaguardare lo smalto dei denti e la loro salute dai batteri, e che ogni ciclo di pulizia deve durare almeno 7 minuti.

Lo scovolino interdentale agisce anche in poco spazio interdentale, rimuovendo i residui alimentari e prevenendo gengiviti e mal di denti. L'odontoiatria ne consiglia l'uso dopo i pasti, agendo una leggera pressione sulle gengive per stimolarne la circolazione e migliorarne la salute. Una buona routine potrebbe essere quella di spazzolare i denti con uno spazzolino elettrico a setole morbide per una pulizia profonda ma delicata, utilizzando un dentifricio a base di fluoro che aiuti la remineralizzazione dei denti e, successivamente, utilizzare lo scovolino e completare con gli sciacqui di collutorio.

L’uso dello scovolino è molto facile ed è consigliato per la corretta igiene dentale almeno una volta al giorno e sicuramente la sera, prima di andare a dormire. Per ulteriori informazioni leggi il nostro articolo su come usare lo scovolino con l'apparecchio.

Gli scovolini della linea GUM migliori per chi porta apparecchi ortodontici sono il Bi-DirectionSoft-Picks advancedSoft-Picks Comfort Flex e Soft-Picks Original.

Quali cibi evitare per favorire una migliore pulizia di denti e apparecchio

Portare l’apparecchio non sempre si traduce in una piacevole passeggiata. Spesso si avverte dolore o fastidio, vi possono essere irritazioni della bocca e gestire la cura orale non è semplice, anche se indispensabile.

Nello studio dentistico riceverete tutti i consigli sulla manutenzione del vostro apparecchio e sulla pulizia dentale ed, eventualmente, vi verrà proposta l'applicazione della cera ortodontica per evitare escoriazioni, ma sicuramente sarete informati anche sugli alimenti che durante il periodo di trattamento ortodontico sono sconsigliati per la salute orale.

Per i denti dei bambini, tra i cibi più sconsigliati ci sono sicuramente le caramelle e il chewing gum. Il rischio di carie a cui i denti vengono esposti quando la bocca entra in contatto con questi alimenti è molto alto. Pertanto, in un’ottica di prevenzione e tutela della salute del cavo orale, questi sono i primi prodotti da eliminare, anche nel caso in cui l’apparecchio non sia mobile ma fisso.

Oltre alle caramelle e alle gomme da masticare, poi, cercate di evitare cibi croccanti come pane o pizza con la crosta molto dura, frutti particolarmente filamentosi, cibi appiccicosi o gommosi, grasso del prosciutto e pop corn. Evitate anche di mangiare i cibi che generalmente vengono addentati con gli incisivi come i panini farciti.

Soprattutto nei primi tempi, quando cioè gli attacchi sono appena stati serrati e voi dovete abituarvi al nuovo inquilino della vostra bocca che potrà procurarvi dolori e irritazioni a bocca e alle guance, cercate di prediligere alcuni alimenti. Molto indicati in questo periodo, cibi dalla consistenza morbida e vellutate come passati di verdura, purè, frutta in frullato e gelato, soprattutto se avvertite fastidio o dolore: il suo sapore fresco saprà alleviare i disturbi.

Piano piano, riuscirete a riabituarvi ai piatti di pasta condita con qualsiasi tipo di sugo. Evitate la pasta al forno perché la crosticina della superficie potrebbe essere dannosa.

Anche il modo di masticare è importante: procedete con bocconi piccoli per abituarvi a masticare con l’apparecchio in bocca e cercate, almeno per un primo periodo, di masticare solo lateralmente.

Un aiuto veloce

Scopri le nostre guide per aiutarti a mantenere una buona igiene orale con l'apparecchio: